Aree verdi e sistemi naturali
Mobilità sostenibile
Sviluppo urbano sostenibile
Risorse idriche
Rifiuti
Energia
Informazione e partecipazione
Inquinamento acustico ed elettromagnetico

Contabilità Ambientale

Strumento di sostenibilità

 

Software Contabilità Ambientale LEAF
Software Contabilità Ambientale


La contabilità ambientale
  Cos'è la contabilità ambientale
  Contesto nazionale
  Contesto internazionale
  Metodo CLEAR
  Proposte di legge
       
Sviluppo sostenibile
  Buone pratiche ambientali
  Strumenti di sostenibilità per le p.a.
    Agenda 21
    Acquisti verdi (GPP)
    EMAS
    ISO 14001
    Ecolabel
    VIA
    VAS
    Valutazione di incidenza
   
Aree tematiche
  Aree verdi e sistemi naturali
    Strumenti per la conservazione
   della natura
  Mobilità sostenibile
  Sviluppo urbano sostenibile
  Risorse idriche
  Rifiuti
  Energia
  Informazione e partecipazione
  Inquinamento acustico ed elettromagnetico
  Turismo sostenibile
 
Utilità
  Glossario
       
News Ambiente
  Aree verdi e sistemi naturali
  Cambiamenti climatici
  Energia
  Informazione e partecipazione
  Inquinamento acustico ed elettromagnetico
  Mobilità sostenibile
  Rifiuti
  Risorse idriche
  Sviluppo urbano sostenibile
  Turismo sostenibile

Aree verdi e sistemi naturali

 

In un’ottica di sviluppo sostenibile della società, la tutela degli ecosistemi naturali diventa un obiettivo imprescindibile. A tal proposito negli ultimi anni una particolare attenzione è stata dedicata alla conservazione della biodiversità, oggetto anche di convenzioni internazionali.
La definizione di biodiversità universalmente riconosciuta è quella data in occasione del Earth Summit di Rio de Janeiro, dove viene descritta come la “variabilità degli organismi viventi di qualsiasi fonte, inclusi, tra l’altro, gli ecosistemi terrestri, marini e gli altri ecosistemi acquatici e i complessi ecologici dei quali fanno parte; comprende la diversità nell’ambito di ciascuna specie, tra le specie, nell’ambito degli ecosistemi.
Il termine biodiversità racchiude pertanto tre livelli di diversità:

  • genetica, intesa come patrimonio di geni di una specie;

  • di specie, riferita al numero di specie e alla consistenza della popolazione di specie presenti su un territorio; è il livello a cui normalmente si fa più riferimento quando si parla di sostenibilità;

  • ecologica, considerando tutti gli ecosistemi presenti sulla terra.

La biodiversità è alla base della stessa vita umana, essendo fondamentale per la stabilità del sistema terrestre. I processi biologici essenziali per la perpetuazione della vita sulla terra hanno luogo grazie alle molteplici forme di vita esistenti. Il ciclo vitale inizia con la costituzione dei composti organici, operata dagli organismi fotosintetizzanti, capaci di utilizzare l’energia solare e l’anidride carbonica, e si chiude con la degradazione della stessa sostanza organica da parte dei microrganismi decompositori.
La tutela della diversità biologica è di importanza strategica per l’uomo anche considerando soltanto il suo benessere materiale. Numerose sono infatti le utilità offerte dalla biodiversità. Gli organismi viventi forniscono cibo all’umanità e hanno un ruolo fondamentale nel campo farmaceutico, in cui sono diffusamente impiegate specie vegetali per estrarre i principi attivi da utilizzare nella cura di uomini, animali e piante di interesse agrario.
Da non sottovalutare, infine, il servizio offerto in termini di aree incontaminate dove ricrearsi, a cui si aggiunge i benefici economici che possono trarre le popolazioni locali.
La conservazione del patrimonio naturale assume un valore rilevante all’interno delle aree urbane, la cui vivibilità è strettamente legata all’equilibrio esistente tra ambiente costruito e ambiente naturale.
Gli spazi verdi urbani hanno molteplici funzioni, tutte ugualmente importanti:

  • funzione ecologico-ambientale: le aree verdi accrescono il valore ecologico e la biodiversità dell'ambiente urbano e contribuiscono mitigare gli effetti gli impatti delle edificazioni e dalle attività dell’uomo;

  • funzione igienico-sanitaria, legata alla depurazione chimica dell’atmosfera, alla fissazione dei gas tossici, alla depurazione batteriologica dell’area e al filtraggio delle polveri sottili;

  • funzione termoregolatrice, per effetto dell’aumento dell’evapotraspirazione, che determina il contenimento delle temperature estive;

  • funzione di riduzione dell’inquinamento acustico, dato dalla capacità fonoassorbente delle piante;

  • funzione protettiva e di tutela di aree degradate o sensibili (argini di fiumi, scarpate, zone con pericolo di frana, ecc), che le piante proteggono da fenomeni di degrado e dissesto;

  • funzione ricreativa;

  • funzione estetica e paesaggistica, dovuta al miglioramento della percezione visiva, con effetti benefici anche sotto il profilo psicologico.
     

Vai a "Strumenti per la conservazione della natura"

 
 

Contabilità ambientale - P.I. 01715690564 - Privacy

Infosoft